LA VARIANTE 38 È UN’OTTIMA MERCE DI SCAMBIO PER LA MAGGIORANZA

LA VARIANTE 38 È UN’OTTIMA MERCE DI SCAMBIO PER LA MAGGIORANZA

LA SITUAZIONE È GRAVE MA NON SERIA
Come direbbe Ennio Flaiano, la situazione interna alla maggioranza è grave ma non seria. Forza Italia ostenta i muscoli boicottando il Consiglio Comunale per mettere alle corde la Lega Nord e il PdL, ma è solo ripartita l’ennesima lotta per spartirsi il potere.

Ovviamente, che la Lega pensi di andare alle elezioni rinnegando l’alleanza con Forza Italia non va assolutamente bene a Riccardo Del Pup. Se i leghisti utilizzano delle liste civiche d’appoggio per tagliare i ponti con i forzisti, ecco scattare la ritorsione al grido “Muoia Sansone e tutti i Filistei”.

Il blocco sulla variante urbanistica n.38 costituisce un’ottima merce di scambio per far rinsavire la Lega. E pensare che fino a dicembre l’architetto Del Pup era il più solerte ad accelerare i tempi della discussione preliminare in Commissione urbanistica per una rapida adozione della Variante a gennaio. Adesso, invece, l’ordine impartito è “indietro tutta!”

Sapendo che delle 180 domande di Variante solo la metà sono accoglibili, di queste una trentina sono quelle effettivamente significative, elettoralmente parlando, e quelle più scottanti riguardano la Parrocchia di S. Maria Maggiore, è facile pensare che la corda non si spezzerà tra Lega e Forza Italia.

LA PAURA DI PERDERE VOTI FA NOVANTA.

E c’è già chi è pronto a scommettere che, siccome tra architetti, amministratori di lungo corso, un’intesa la si trova sempre, la Variante 38 tornerà a mettere d’accordo tutte le anime del centrodestra.
Il CENTROSINISTRA UNITO è di un’altra pasta. Lo sappiano i cittadini che si aspettano un CAMBIAMENTO VERO per risollevare le sorti di Cordenons!

By |2016-01-23T09:30:42+00:00Gennaio 23rd, 2016|Comunicazioni|0 Comments

About the Author:

Leave A Comment

8 + diciotto =