Petrolio e regali

Petrolio e regali

di Giacomo Lagona

Il New York Times riferisce che i dipendenti di un’agenzia federale americana incaricata di controllare le piattaforme petrolifere in mare, avrebbero accettato regali dalle compagnie in cambio di un controllo “leggero” alle piattaforme. Lo rende noto un rapporto del Ministero degli Interni il quale indica come i regali fossero tra i più vari: si va dai biglietti per le partite alle battute di pesca, dai leziosi pranzi all’uso dei computer interni per visitare siti porno. Il Times indica che le irregolarità sono avvenute tra il 2005 e il 2007, e nessuna di queste è stata accertata per la Deepwater Horizon, la piattaforma distrutta nel Golfo del Messico del quale ancora oggi non si riesce a fronteggiare la marea nera nelle coste americane. L’indagine si è conclusa a marzo e non ci sono state “vittime eccellenti”, ma il ministro Salazar l’ha definita inquietante ed ha chiesto ulteriori approfondimenti.
Bookmark and Share

By |2010-05-25T20:30:40+00:00Maggio 25th, 2010|Mondo|0 Comments

About the Author:

Circolo del Partito Democratico di Cordenons. Contatti: Piazza della Vittoria, 4 Cordenons | email: pdcordenons@gmail.com | Facebook: Partito.Democratico.Cordenons | Twitter: @pdcordenons | Instagram: @pd.cordenons

Leave A Comment

14 − 1 =