ONGARO HA UNA MAGGIORANZA BALCANIZZATA CON LA GIUNTA CHE TRABALLA

ONGARO HA UNA MAGGIORANZA BALCANIZZATA CON LA GIUNTA CHE TRABALLA

La Lega si slega e Ongaro traballa.

E’ incredibile, ma vero: ben oltre le nostre previsioni, dopo appena otto mesi, la coalizione di centrodestra, a cui affibbiammo l’azzeccata definizione di “brancaleone”, si sta letteralmente decomponendo. Con un’accelerazione senza precedenti nella storia politica di Cordenons, il sindaco Ongaro si trova con una maggioranza balcanizzata.

La Lega si è spaccata in due tronconi e con tre dei sette componenti eletti in consiglio che si mettono in proprio per formare un gruppo misto, ne vedremo delle belle. Probabilmente non c’entrano le divisioni nazionali tra bossiani e maroniani; i motivi sono tutti interni al partito cordenonese. Trattasi di liti di bottega. Ci sarà sicuramente un rimpasto in giunta e in sostituzione del defenestrato assessore Bomben c’è chi venderà cara la pelle (la nascita del gruppo misto lo sta a dimostrare).

Con l’Udc che fa sentire la sua insoddisfazione per la lentezza dell’operato della giunta (come diciamo noi da tempo), con Riccardo Del Pup che oscura il ruolo del sindaco con iniziative volte a cercare visibilità in funzione delle elezioni regionali, invece di garantire stabilità all’azione di governo, e Vampa che ama fare il battitore libero, a Ongaro non basta un santo al giorno a cui votarsi per
uscire fuori dai guai.

Stupisce la calma del Pdl che ingoia rospi e non mette un freno alla situazione ormai degenerata. E’ da scommettere che il Pdl prima di lasciar prendere troppo il largo a Del Pup, farà certamente qualcosa, altrimenti nel 2013 pagherà caro in termini di consensi elettorali.

Da parte nostra, noi, all’opposizione, non facciamo sconti a nessuno e continuiamo a svolgere con vigore il nostro mestiere. Intanto, anche i cittadini cordenonesi meno avvezzi alla politica vedono che, mentre l’amministrazione di centrosinistra in cinque anni ha sempre dato garanzie di stabilità, coesione e capacità di governo, quella attuale nemmeno per sogno.

By |2012-02-02T16:56:33+00:00Febbraio 2nd, 2012|Comunicazioni|0 Comments

About the Author:

Leave A Comment

4 − 1 =