Non vogliamo mica chiamarli ariani?

Non vogliamo mica chiamarli ariani?

Succede in Piemonte con la giunta regionale leghista. Anche per questo sabato 12 giugno manifestiamo a favore della scuola, perché secondo l’art. 34 della Costituzione “La scuola è aperta a tutti, obbligatoria e gratuita”. Se si inizia a discriminare gli insegnanti, i prossimi saranno necessariamente i bambini che vanno a scuola. E non vogliamo mica chiamarli ariani, vero?

By |2010-06-10T19:17:13+00:00Giugno 10th, 2010|Provincia di Pordenone|1 Comment

About the Author:

Circolo del Partito Democratico di Cordenons. Contatti: Piazza della Vittoria, 4 Cordenons | email: pdcordenons@gmail.com | Facebook: Partito.Democratico.Cordenons | Twitter: @pdcordenons | Instagram: @pd.cordenons

One Comment

  1. Hirondo 12 Giugno 2010 at 10:03 - Reply

    😀 😀 dai, questa è troppo esagerata! la tua, eh!

    ché, “La scuola è aperta a tutti, obbligatoria e gratuita”, è vero.
    sulla carta e riferito solo all’accesso alla struttura ché, per il resto, tanto gratuita non è mai stata e le spese accessorie spesso non son tanto inferiori a quelle – decantate e ovviate almeno nell’obbligatorietà – dei libri di testo.
    e questa è già una discriminazione in atto da sempre.

    un’altra discriminazione – nei riguardi di singole classi rispetto ad altre – è quell’improvviso “esaurimento da nostalgia di casa” (o di spleen insofferente alla nebbia locale, per esempio) che coglie tanti “trapiantati per concorso” che poi vanno a riprendersi nei luoghi natii, lasciando le classi loro affidate in balia delle supplenze.

    perché anche questo “succede”. e al di là dell’obbligo previsto nei contratti (non solo dello stato) di assumere la residenza nel luogo di lavoro.

Leave A Comment Annulla risposta

due × 1 =