SCENE INDECOROSE DA UN MATRIMONIO ORMAI FINITO

SCENE INDECOROSE DA UN MATRIMONIO ORMAI FINITO

All’ultimo consiglio comunale abbiamo assistito all’ennesima rissa verbale dentro il centrodestra. Mancava solo che tra le diverse componenti della maggioranza si tirassero i pomodori, visto che i panni sporchi è da tempo che non li lavano più in famiglia.  Del Pup e il Gruppo Misto si aggiungono al nostro operato di opposizione reiterando gli attacchi a Ongaro.

Lo fanno sia con interpellanze e interrogazioni, sia accogliendo le proposte di emendamento fornite dall’opposizione ai propri ordini del giorno per mettere sotto il sindaco senza pietà. Che l’incapacità del primo cittadino e della sua giunta siano strutturali lo diciamo da tempo, i fatti sono incontestabili, ma che lo schema di gioco delle due componenti critiche della maggioranza sia prevedibile è sotto gli occhi di tutti.

Il matrimonio di interesse tra Ongaro e Del Pup, sancito due anni fa in campagna elettorale, è chiaramente saltato. Sembra altrettanto evidente l’insofferenza crescente del PdL nei confronti di un sindaco il cui stile di conduzione non fa che incancrenire il rapporto litigioso ed improduttivo dell’amministrazione. A questo punto diciamo: “Signori, vi decidete a porre fine a questa sceneggiata?”

Gli otto voti dell’opposizione sono sempre pronti per scrivere la parola fine su questo malgoverno. Ma se il sindaco, come l’ultimo dei giapponesi nella giungla, non si vuole arrendere alzando bandiera bianca, è doveroso che sia Del Pup, in primis, ad assumersi la responsabilità di mandarlo a casa. Non è solo tempo di stilare il bilancio economico-finanziario annuale, è giunta anche l’ora di certificare un bilancio politico fallimentare.

By |2013-06-18T13:25:30+00:00Giugno 18th, 2013|Comunicazioni|0 Comments

About the Author:

Leave A Comment

nove − due =