Lo strano caso di Google translate

Lo strano caso di Google translate

Provate ad usare Google traduttore e scrivete: “non ho votato Berlusconi”, poi traducetelo in spagnolo, inglese e francese. Se invece lo fate con un altro nome, tipo Bersani, il risultato è quello che vedete sotto.

[Via Civati]

By |2010-11-08T15:44:32+00:00Novembre 8th, 2010|Mondo|13 Comments

About the Author:

Circolo del Partito Democratico di Cordenons. Contatti: Piazza della Vittoria, 4 Cordenons | email: pdcordenons@gmail.com | Facebook: Partito.Democratico.Cordenons | Twitter: @pdcordenons | Instagram: @pd.cordenons

13 Comments

  1. Dracoo 8 Novembre 2010 at 16:53 - Reply

    Probabilmente qualche “simpaticone” s’è divertito a suggerire la traduzione a Google.
    Se si passa con il mouse sopra alla frase tradotta apparirà un link che permette di “Contribuire ad una traduzione migliore”.

    • Redazione 8 Novembre 2010 at 17:44 - Reply

      I simpaticoni non mancano mai Dracoo, ho già corretto la frase. Grazie!

  2. Robby 8 Novembre 2010 at 20:43 - Reply

    Non è vero.

    • Redazione 9 Novembre 2010 at 19:41 - Reply

      E’ vero invece, Google l’ha corretto in queste ore dopo i suggerimenti di alcuni utenti, compreso il sottoscritto 😉

    • Aelthas 10 Novembre 2010 at 16:50 - Reply

      Era una cazzata. La solita per far nascere scandali anche quando non ci sono. Certa gente si diverte cosi’… Ridicoli!

      • Redazione 10 Novembre 2010 at 18:12 - Reply

        Aelthas, era solo un errore del traduttore di Google. Dove hai visto nascere lo scandalo?
        Ma perché si deve sempre fare polemica su cose che non stanno in piedi. Del resto che te lo dico a fare…

  3. Luca Bagatin 9 Novembre 2010 at 18:50 - Reply

    Beh, veramente non ci vuole un genio per capire che Bersani non lo voterebbero nemmeno all’estero ;-)))))

    • Redazione 9 Novembre 2010 at 19:43 - Reply

      Dici? Ho qualche dubbio.

    • gianni ghiani 10 Novembre 2010 at 11:44 - Reply

      Caro Bagatin ride bene chi ride ultimo! Anche la sbornia di un leaderismo ad effetto mediatico immediato comincia ad appannarsi e guarda caso proprio chi, da questo punto di vista, può essere considerato l’anti-leader come Bersani potrà avere più chance di conquistare la stima dei cittadini. E poi, come in tutte le cose, vale la legge del pendolo anche nella psicologia di massa…

  4. Luca Bagatin 10 Novembre 2010 at 17:35 - Reply

    Ah, no no, io non rido affatto.
    Al massimo sorrido di certe mezze calze, ma, per il resto, c’è poco da ridere visto che in Italia la democrazia è morta nel ’93 ed anche voi avete contribuito a detronizzarla.
    L’anti Bersani e l’anti Berlusconi, ad ogni modo, penso che oggi sia solamente Gianfranco Fini.

  5. dan 11 Novembre 2010 at 13:40 - Reply

    ho fatto una prova su google, e quanto affarmate è una gran balla, come sempre.
    Siete messi male, avete bisogno di cure psichiatriche urgenti.

    • Redazione 11 Novembre 2010 at 18:19 - Reply

      dan hai voglia di dire che sono balle, se fai una piccola ricerca in rete ti accorgerai che ho ragione. Ma tanto a te non interessa questa ma buttare fango addosso a quelli che la pensano diversamente da te. Continua così, da bravo

      • dan 11 Novembre 2010 at 19:28 - Reply

        Siete fusi l’ho rifatto 1000 volte la prova, ma ormai voi avete la psicosi di Berlusconi, vi compatisco, o forse dovete farvi meno canne.

Leave A Comment

cinque − 1 =