Le tristi confessioni di Ongaro

Le tristi confessioni di Ongaro

Ora che Del Pup è passato all’opposizione, Ongaro si scusa con i cittadini confessando di essersi sbagliato a stringere un’alleanza elettorale con lui. Due anni per arrivare a questa banale constatazione? Eppure il sindaco Ongaro sapeva benissimo con chi aveva a che fare, visto che, al tempo del secondo mandato Del Pup, egli ricoprì il ruolo di assessore alla cultura e di vicesindaco. Che fosse un matrimonio solo di interesse e destinato a finire in breve tempo, noi del centrosinistra, lo avevamo detto subito. E non siamo dei veggenti.

Il sindaco si scusi, piuttosto, con i cordenonesi per aver fatto una errata valutazione su se stesso, sulle sue capacità di governo di cui difetta largamente. I fatti non sono smentibili. L’amministrazione ongariana, per risultati e metodo di conduzione, è fallimentare.

Noi continuiamo a fare la nostra opposizione coerentemente ispirata ai nostri valori di centrosinistra. L’ “altra destra”, guidata dal duo Del Pup-Zancai, farà l’opposizione che crede. Se il giudizio negativo sull’azione di governo dovesse tradursi in votazioni consiliari convergenti (come già avvenuto) ne prenderemo atto. D’altronde la situazione è tale che chiunque, dotato di buon senso, si troverebbe in grossa difficoltà politica a continuare a sostenere una giunta che fa danni anche stando ferma.

Per questo rinnoviamo a Vampa il nostro invito a fare un gesto di responsabilità. Se, poi, Ongaro gli attribuisce il merito di offrire un leale e valente contributo di esperienza, ci domandiamo come mai gli effetti positivi di tale apporto non si siano mai visti. Delle due l’una: o Vampa non è in grado di farsi ascoltare, oppure Ongaro, pur ascoltando, non è capace di applicare i consigli ricevuti. In entrambi i casi il risultato non cambia: il malgoverno continua.

By |2013-07-04T16:41:35+00:00Luglio 4th, 2013|Comunicazioni|0 Comments

About the Author:

Leave A Comment

19 − 9 =