Ghiani: “Makò: soddisfatti del CdA. Le colpe di Del Pup e Ongaro”

Ghiani: “Makò: soddisfatti del CdA. Le colpe di Del Pup e Ongaro”

Il Pd, otto mesi fa, aveva salutato con soddisfazione il nuovo CdA della Stu Makò che ha subito imposto un cambio di passo nell’affrontare i problemi e nel cercare soluzioni. In Consiglio comunale i nuovi orientamenti strategici sono stati accolti positivamente addirittura da Forza Italia che negli ultimi quattro anni aveva lavorato per affossare la Società. Ovviamente, quella di Del Pup era solo una strumentale apertura retorica

– – –

Il Pd, otto mesi fa, aveva salutato con soddisfazione il nuovo CdA della Stu Makò. Come sperato, il presidente Lunardelli, insieme al resto del CdA, ha subito dimostrato di saper imprimere un cambio di passo nell’affrontare i problemi e nel cercare soluzioni. In Consiglio comunale, solo quattro mesi fa, i nuovi orientamenti strategici sono stati accolti positivamente addirittura da Forza Italia che negli ultimi quattro anni aveva lavorato per affossare la Società. Ovviamente, quella di Del Pup era solo una strumentale apertura retorica. Il piano di razionalizzazione delle partecipate non ha certo aiutato. La scadenza posta per il reperimento dei finanziamenti è quasi impossibile.

Al presidente Lunardelli, in primis, vogliamo esprimere l’apprezzamento per l’impegno fin qui profuso nel tentare di portare a casa le risorse necessarie alla realizzazione di un polo scolastico che possa ospitare il Liceo artistico “Galvani”. E pur sapendo che il 31 dicembre è ormai prossimo, incoraggiamo il CdA a non mollare la presa e a non lasciare intentata alcuna strada, augurando che la via ministeriale a Roma possa essere fruttuosa.

Una cosa è certa: non si potrà imputare a al nuovo CdA di non aver saputo conseguire in nove mesi quel risultato tanto atteso che i CdA precedenti, guidati da esponenti di centrodestra, non sono riusciti ad ottenere nel corso di nove anni! A maggior ragione, se il nuovo CdA non dovesse avere fortuna, risulteranno pesantissime le responsabilità dei due ex-presidenti della Provincia di Pordenone, Elio De Anna e Alessandro Ciriani, che, in modi diversi, hanno negato a più riprese il finanziamento necessario alla costruzione del polo scolastico che inizialmente avevano promesso.

Non di meno le responsabilità saranno anche del Presidente del Consiglio comunale Del Pup e del Sindaco Ongaro che con il bilancio 2015 avevano l’opportunità, acquistando l’ex-parco Repezza dalla Stu, di finanziare la ristrutturazione della centralina idroelettrica, fonte di utili sicuri per ridare fiato alla Società.

By |2015-10-04T10:11:14+00:00Ottobre 4th, 2015|Comunicazioni|0 Comments

About the Author:

Leave A Comment

8 + 16 =