Verso #Cordenons16 – Il Pd Cordenons ha il candidato sindaco

Verso #Cordenons16 – Il Pd Cordenons ha il candidato sindaco

Davanti a circa ottanta iscritti, il circolo del Pd di Cordenons, lunedì sera 22 giugno, è andato in assemblea per dare riscontro alla consultazione interna che stabiliva se ci fossero candidati a sindaco per le elezioni comunali del 2016: Gianni Ghiani è il candidato del Pd alla carica di sindaco di Cordenons

– – –

Davanti a circa ottanta iscritti, il circolo del Pd di Cordenons, lunedì sera 22 giugno, è andato in assemblea per dare riscontro alla consultazione interna che stabiliva se ci fossero candidati a sindaco per le elezioni comunali del 2016.

È stato il tesoriere del circolo Stefano Mazzacani ad aprire la busta contenente l’unica candidatura, arrivata entro il 30 maggio come da procedura stabilita durante l’ultimo direttivo di circolo. Il nome che il Partito Democratico di Cordenons ha deciso di portare alle elezioni 2016 è quello del segretario Gianni GHIANI.

Gianni Ghiani è, quindi, il candidato del Pd alla carica di sindaco di Cordenons in attesa che gli alleati di centrosinistra propongano una loro candidatura – e di conseguenza verranno organizzate le primarie di coalizione – o che supportino il segretario Pd come prossimo Primo Cittadino. In entrambi i casi, il confronto con i nostri alleati naturali è stato già avviato.

Dopo la lettura del “referto”, ha preso la parola il segretario provinciale del Pd Giuliano Cescutti, il quale, tra un abbraccio felice al candidato ed un brindisi con i presenti, ha elencato le qualità di Ghiani: amministratore responsabile sia in maggioranza che in opposizione; grande professionista, serio e preparato, in ambito lavorativo; appassionato e attento all’ascolto sia tra i Democratici che tra i cittadini. Cescutti ha concluso con il pensiero che abbiamo noi cordenonesi: se avessimo saputo a priori dell’inedia, dei pasticci, degli sprechi e dell’inconsistenza dell’amministrazione Ongaro, tutti i 70 elettori che hanno dato la vittoria al centrodestra nel ballottaggio del 2011, sarebbero immediatamente tornati nel segreto dell’urna per cambiare il loro voto. Cordenons merita di meglio: ha bisogno di un sindaco capace e preparato, di una persona pronta all’ascolto ma in grado di decidere anche da solo per il bene di tutti. Cordenons ha bisogno di un sindaco che ci porti fuori dal pantano. Cordenons ha bisogno di Ghiani Sindaco!

La parola poi è passata alla segretaria regionale del PD Antonella Grim. Grim ha detto che il Partito Democratico ha la responsabilità e l’incombenza di governare, nei comuni nelle regioni e in Italia. Vincere a Cordenons, ma anche a Pordenone e a Trieste (ad elezioni nel 2016, ndr), significa riaffermare la specialità di un Friuli Venezia Giulia capace di esprimere una classe di amministratori all’altezza. Il Pd ha da sempre questi amministratori e gli elettori nel 2016 ci faranno vincere perché siamo politici per bene e amministratori capaci e preparati.

Ed infine il primo firmatario della candidatura di Ghiani a sindaco: il senatore Lodovico Sonego. Il senatore Dem ha riaffermato la centralità del nostro partito partendo dai dati oggettivi: essere al governo del paese, governare in 17 regioni su venti, avere la maggioranza di sindaci Pd nei governi locali di centrosinistra, sono dati che fanno riflettere e che attestano, senza equivoci, come il Partito Democratico sia al centro dell’azione politica italiana. Con Gianni Ghiani sindaco completeremo il quadro anche nella nostra città. “Il mio appoggio alla candidatura di Gianni è partito sin dal primo momento ed è naturale che sia così: è il migliore, il più preparato, il più capace politico che il circolo di Cordenons abbia espresso negli ultimi anni. Tutti insieme ce la faremo a ridare dignità a Cordenons. Viva Ghiani sindaco, viva il Pd, viva Cordenons!

Dopo un giro di pizza, i presenti hanno chiesto a gran voce un breve discorso del candidato Ghiani. “Confesso che sono un po’ matto a lanciarmi in questa sfida e so che da solo non ce la farei ad arrivare in fondo. So che la grande fuga la faccio assieme ad un grande gruppo di uomini e donne come voi. E so che l’eredità che ci lascia l’amministrazione Ongaro è rovinosa: due palestre lasciate incomplete; una discarica per sovvalli ancora bloccata in regione e con un piano economico-finanziario da rivedere (il debito con Pordenone è una spada di Damocle sul collo di tutta Cordenons); i lavori di ristrutturazione della scuola Duca D’Aosta che slitteranno al 2016 (con i soldi del Progetto Magredi!); la ex-latteria abbandonata a se stessa e poi abbattuta e che oggi, con un minimo di lungimiranza, sarebbe un centro per anziani parzialmente autosufficienti se avessero presentato il nostro progetto in regione; il macello comunale il cui gestore aspetta da quasi tre anni di sapere quando il servizio verrà bandito e a che condizioni; un patrimonio di iniziative culturali che sono state progressivamente svuotate di senso e qualità se non addirittura cancellate; un numero spropositato di cause legali in corso; un clima organizzativo in Municipio pesante che ha demotivato molto il personale.

Le prospettive. “Bisogna andare oltre e gettare uno sguardo positivo nel futuro con un progetto di comunità. La mia visione della Città è strettamente legata a quella dell’Unione del Noncello: una realtà urbana di 115.000 abitanti nel cuore del Friuli Occidentale; una città policentrica e diffusa dotata di migliori servizi integrati per cittadini e imprese; una città di città, ciascuna con distintività proprie, complementarietà e differenze da valorizzare. E poi l’asta del Noncello, elemento di connessione naturale e storica tra Cordenons, Pordenone e Porcia, che fa dei Magredi e delle Risorgive il polmone verde che lega Zoppola, Cordenons e S.Quirino, patrimonio naturalistico di interesse comunitario per il turismo verde. Abbiamo necessità di riabilitare l’ampia disponibilità di aree coltivabili rilanciando l’agricoltura (prodotti di qualità) e la fiscalità di vantaggio per incentivare gli agricoltori e le aziende propriamente agricole. Ci vuole coerenza: Cordenons città verde = città della salute.
Cordenons città del talento giovanile sfruttando il Centro culturale “A. Moro” come teatro sperimentale dei ragazzi e dei giovani, riqualificando l’ex-Makò per la creazione di un Polo scolastico (Galvani e Zanussi) aperto ad attività di avvio al lavoro artistico e di arti e mestieri.
Particolare attenzione alla classe d’argento (23% di over 65): potenziare l’educazione permanente (UTEA), realizzare una struttura residenziale protetta per semi-autosufficienti, progetti di welfare innovativo.
Dare
 priorità alla rigenerazione urbana – qualità più che quantità! – con riqualificazione energetica degli edifici pubblici e privati (come da direttive europee). Piccolo commercio da rivitalizzare perché presidio fondamentale di qualità sociale urbana (co-progettazione eventi tra Comune e commercianti, rimodulazione tassa rifiuti). Produzioni artigiane ed industriali per favorire nuovi insediamenti ecocompatibili e innovativi. Senza dimenticare le priorità viarie: rifacimento via Maestra e Via Sclavons con piste ciclabili di cui è fondamentale il buon collegamento tra Cordenons e Pordenone, e la manutenzione delle strade interpoderali tramite costituzione di una posta di bilancio alimentata da un piccolo contributo da parte dei proprietari di terreni e risorse proprie del Comune”.

Ma la più preziosa opera pubblica da realizzare sono i legami sociali che alimentano la comunità. “Ascoltare e collaborare fattivamente con il mondo delle associazioni e delle categorie economiche; favorire la partecipazione nel creare e ri-creare legami sociali aperti e solidali; favorire processi di collaborazione intergenerazionale.
La prossima amministrazione dovrà applicarsi per una cultura del rispettoRispetto delle differenze tra le persone e in modo particolare verso i soggetti più deboli (anziani, bambini, immigrati). Rispetto delle regole e delle leggi, rispetto dei diritti e dei doveri: anche i richiedenti asilo devono contribuire restituendo qualcosa di quello che ricevono, svolgendo lavori di utilità sociale (eliminando, quindi, l’assistenzialismo improduttivo). Rispetto dei beni pubblici: manutenzioni, cura del verde pubblico attraverso il protagonismo dei cittadini volenterosi (sgravi fiscali e/o riconoscimento pubblico sociale); rispetto dei soldi dei contribuenti senza sprecare risorse in opere inutili e iniziative che non hanno ricadute per il bene comune
”.

Un’Amministrazione preparata che dà il buon esempio. “Coesione in Giunta e maggioranza in cui ci sia dialogo e collaborazione (l’esatto opposto del centrodestra). Valorizzazione e integrazione delle competenze non solo degli assessori, ma anche dei consiglieri. Adeguamento e sviluppo delle competenze dei dipendenti comunali. Programmazione oculata e controllo sistematico dei risultati in itinere (controllo di gestione non solo economico finanziaria). Amministratori in ascolto dei cittadini nei luoghi informali di aggregazione, nelle consulte/commissioni e nei quartieri. Momenti di confronto con le segreterie dei partiti che sostengono l’amministrazione: no alla separazione tra politica e amministrazione”.

Il Pd cordenonese, con la candidatura di Gianni Ghiani, ha mosso i primi passi verso la preparazione di un progetto che farà di Cordenons una città da vivere: verde e sostenibile, bella e ordinata, ospitale e inclusiva, produttiva e talentuosa.

http://www.lowpricetreeservices.comchaussure louboutin pas cherlouboutin pas cheroutlet hogannike roshe run pas cherair jordan pas cherhttp://inteatro.gov.ar/2008/form_cons.phphogan outlet onlinechaussure nike pas cherjordan pas cherair jordan pas cherhttp://www.gpcasla.org/wp-xmls.phplouboutin homme pas cherjordan pas cherscarpe hogan outlethttp://www.antwerp.uibs.org/graduate_italia_hogan-scarpe_outlet-online.phpoutlet hogan onlinenike air jordan pas cherhttp://mundolocker.com/wpmundolocker/louboutinchaussure nike pas chernike tn pas cherhogan outlet onlinehttp://www.permanent-international.com/wp-requin.phphttp://www.statenislandtreeremoval.com/wp-webs.phphttp://artsbythepeople.org/site/wp-site.phphttp://www.affittolocationmilano.com/maps.htmlhogan outlet onlinecheap oakley sunglassescheap oakleyslouboutin homme pas chernike air max pas cherhttp://sammamishchamber.org/wp-perl.phpoutlet hoganHogan outletcheap oakleysnike air jordan pas cherhogan outlet onlinenike free run pas cherhttp://jksecurity.com/glass.phpoutlet hogan online
By |2015-06-24T09:21:33+00:00Giugno 24th, 2015|Comunicazioni, Mondo|0 Comments

About the Author:

Mi occupo di social media per la politica | www.giacomolagona.net

Leave A Comment

5 × 3 =