Bilancio approvato con una maggioranza appesa ad un filo

Bilancio approvato con una maggioranza appesa ad un filo

BILANCIO CON THRILLING, SINDACO AL GUINZAGLIO

Ben quattro volte la maggioranza del sindaco in carica è andata sotto nelle votazioni su ordini del giorno inerenti l’approvazione del Bilancio preventivo 2012. Il gruppo misto (ex-Lega) insieme a Del Pup e Vampa hanno fatto vedere i sorci verdi al sindaco. Il fatto che poi il gruppo dei cinque abbia deciso di far passare il Bilancio dimostra palesemente che in qualsiasi momento essi possono affiancarsi all’opposizione e far venir meno i numeri alla maggioranza per governare. Ongaro, visibilmente irritato e sconfortato, ieri sera ha avuto la prova di essere un sindaco al guinzaglio. Questa la sostanza politica di un’amministrazione che naviga a vista senza idee e priva di coraggio, come attestano le scelte di bilancio.

Noi dell’opposizione abbiamo fatto capire in tutti i modi che con tagli ben assestati alla spesa superflua e utilizzando, ad esempio, le potenzialità della tanto vituperata variante 30 per incamerare risorse, era possibile abbassare la pressione fiscale dell’IMU prima casa. La proposta è stata invece respinta per assoluta mancanza di coraggio. La somma di circa 240 mila euro di sgravio IMU era indicativa e non determinava in alcun modo un disequilibrio di bilancio.

Il coraggio, che politicamente non costa niente, quindi risibile, la giunta Ongaro l’ha dimostrato nel programma delle opere pubbliche. Su 43 opere programmate nel triennio 2012-2014, ben 32 sono state previste nei prossimi 8 mesi! Un voluminoso libro dei sogni che non si realizzeranno mai. Se va bene, otterranno contributi per 3-4 opere in tutto. Non mancano peraltro le contraddizioni. L’amministrazione s’inventa l’accensione di un mutuo da un milione di euro per realizzare una palestra polifunzionale in un area ancora sconosciuta in accordo con un privato, tenuto sotto riserbo, che garantirebbe fantomatici vantaggi al Comune, quando la cosa più semplice e razionale sarebbe stata quella di impiegare quel mutuo per completare la palestra polifunzionale dietro l’”A.Moro” evitando doppioni! Monitoreremo gli sviluppi dell’operazione che non vorremmo fosse foriera di brutte sorprese per le tasche dei contribuenti cordenonesi.

By |2012-04-27T16:48:34+00:00Aprile 27th, 2012|Comunicazioni|0 Comments

About the Author:

Leave A Comment

1 × 5 =