Basta balle sulla palestra dell’Aldo Moro!

Basta balle sulla palestra dell’Aldo Moro!

Alcune considerazioni sull’articolo apparso ieri sulla stampa locale. Come prima semplice considerazione è che al solito, si vuol nascondere la propria inefficienza addossando le colpe ad altri: primo dovere di ogni buon amministratore è PERSEGUIRE IL BENE COMUNE.

Il bene comune in questo caso rappresentava nel dar continuità ad un opera di cui avevamo già chiesto il finanziamento per il completamento; a questa richiesta avevamo l’impegno preso da Elio De Anna alla posa della prima pietra della struttura, prova ne sono la foto della cerimonia del 24-10-2009 e l’articolo del 08-04-2010 che riprendeva tale promessa. Io stesso, a fine giugno 2011, perse le elezioni mi preoccupai di chiedere garanzie per la continuità dell’opera a Elio De Anna, il quale confermò la parola data ma mi avvertì che le priorità della nuova amministrazione erano altre. Una certezza: per che cosa si era impegnato Elio De Anna davanti ai convenuti della cerimonia se non per il completamento del II lotto? Questa risposta sgombera già il campo dagli equivoci che “invocano” dli assessori nell’articolo di oggi.

Ovviamente non spreco tempo a rispondere agli assessori di turno, mi preme però dare garanzie ai cittadini di Cordenons sul denaro pubblico investito, sulla serietà delle scelte fatte dall’amministrazione Mucignat, sulla continuità data alle opere – da buoni amministratori della cosa pubblica – che abbiamo trovato avviate ma non concluse (intervento di via Sclavons, Asilo, appalto illuminazione pubblica, per esempio). Allego per semplicità, e non mi dilungo sulla necessità di leggere le carte da parte degli ignoranti (nel senso che ignorano), alcune documentazioni che attestano la bontà dell’investimento fatto (1, 2, 3 e 4).

Mi sarei aspettato di tutto ma non di continuare a fare sterile polemica politica per coprire le non-scelte o le scelte del tutto sbagliate fatte finora: se chi amministra non risolve i problemi faccia un passo indietro, si vada a nuove elezioni e lasci il passo ad amministratori capaci che li risolvono assumendosi fino in fondo le responsabilità del ruolo.

Ci si aspettava forse che amministrare fosse staccare assegni pubblici senza fare delle scelte, iniziare opere da 1 milione di euro (dicendo che non costa nulla ai cittadini di Cordenons) e lasciare il cantiere sospeso da quasi un anno?

Fare l’assessore non significa solo passare del tempo in “piazza” a giustificare la propria incapacità ma documentarsi, trovare soluzioni, smettere con le polemiche e rimboccarsi le maniche: la nostra Città ha bisogno di essere amministrata, possibilmente meglio di ora!

Stefano Mazzacani

By |2014-03-20T08:47:33+00:00Marzo 20th, 2014|Comunicazioni|0 Comments

About the Author:

Circolo del Partito Democratico di Cordenons. Contatti: Piazza della Vittoria, 4 Cordenons | email: pdcordenons@gmail.com | Facebook: Partito.Democratico.Cordenons | Twitter: @pdcordenons | Instagram: @pd.cordenons

Leave A Comment

cinque × cinque =