L’anagrafe chiusa il sabato è un disagio per i cittadini

L’anagrafe chiusa il sabato è un disagio per i cittadini

Bene ha fatto Gigi Cozzarin, presidente dell’associazione dei commercianti “Li Boteghis”, a lanciare il sasso nello stagno: la chiusura dello sportello dell’anagrafe il sabato mattina sta procurando un disagio oggettivo ai cittadini.

Constato, invece, che Del Pup, assessore al personale, non è minimamente preoccupato della insufficiente fruibilità del servizio da parte dei cittadini. Si dirà che la riduzione del personale negli anni porta necessariamente a degli scompensi. Mi permetto di dire che la giustificazione è assai discutibile. In realtà le disfunzioni sorgono laddove manca una seria organizzazione dell’organico.

In tutti i Comuni la disponibilità di personale è in calo, ma in quelli in cui c’è una buona amministrazione si sono decisi a riprogettare i servizi, i processi organizzativi e quindi le modalità d’impiego del personale con risultati egregi. Ormai o si è pronti a cambiare assetto organizzativo con intelligenza, oppure i disservizi esplodono. Gli orari di apertura dei servizi, per esempio, non devono essere un tabù, ma vanno ripensati in funzione dei tempi di vita dei cittadini e non, viceversa, in funzione delle incapacità organizzative dell’Ente.

By |2015-05-07T21:38:58+00:00Maggio 7th, 2015|Comunicazioni|0 Comments

About the Author:

Leave A Comment

sedici + diciannove =