Ghiani: “No a strumentalizzazioni bieche e rancorose, la manifestazione era stata pensata da tempo e non per fini elettorali: la faremo comunque”

Quando mancano le proposte, purtroppo si scade nella sterile polemica, negli attacchi personali e anche, come nel caso del candidato di Forza Italia Loris Zancai, nella vera e propria cattiveria. Si tratta di una manifestazione senza fini elettorali e politici: Zancai dovrebbe informarsi bene prima di strumentalizzare politicamente un’ottima opportunità per i giovani”.

Quando mancano le proposte, purtroppo si scade nella sterile polemica, negli attacchi personali e anche, come nel caso del candidato di Forza Italia Loris Zancai, nella vera e propria cattiveria”. Gianni Ghiani, candidato sindaco di Cordenons per il centro sinistra supportato da Partito Democratico, Cittadini per Scegliere insieme e Sinistra in Comune, commenta così l’uscita infelice dell’antagonista politico Loris Zancai che ha strumentalizzato l’iniziativa del gruppo di giovani Youth4Ghiani di organizzare un evento sportivo, un evento pensato dai giovani per i giovani, previsto per sabato 21 maggio.

Sono indignato di fronte a un attacco sterile e rancoroso, che evidenzia la mancanza di argomenti nella campagna elettorale di Forza Italia: per avere un po’ di visibilità sui giornali si limitano a strumentalizzare le iniziative altrui”, afferma Ghiani -. Al disinformato Zancai dico che la festa è stata pensata ben prima che l’amministrazione Ongaro annunciasse di essere incapace a organizzare la festa dello sport di quest’anno. Per giunta, non è previsto nessun intervento politico o elettorale e, come se non bastasse, nel volantino della manifestazione non c’era alcun logo di partito o lista. Insomma, quella di Zancai è una strumentalizzazione fine a se stessa che non si richiama ai fatti”.

Gianni Ghiani difende inoltre la dirigenza dell’associazione ‘Aperti per ferie” che gestisce l’area dove si sarebbe svolta la festa. “Non meritano di essere così violentemente attaccati per un’iniziativa che voleva essere a favore dei giovani – ha aggiunto Ghiani -. Con questa festa, biecamente strumentalizzata, i giovani hanno dimostrato di saperci fare: si sono rimboccati le maniche e hanno promosso qualcosa per i loro coetanei. Ora, per non creare disagi, problemi o conseguenze negative all’associazione organizzeremo l’evento in un altro contesto”.

La Festa dello sport è confermata per sabato 21 maggio, dunque, e sarà ospitata nella palestra e nel campo da calcio dell’oratorio di San Pietro.

Cosa si troverà? Divertimento, voglia di stare insieme e allegria. Banditi partiti politici, loghi, liste o slogan. È cambiata la location – per “merito” di Zancai – non lo spirito che ha sempre contraddistinto questa iniziativa.